Una Dolceacqua da pulire

Esco quotidianamente per effettuare le mie commissioni o solo per prendere un caffè e tutte le volte mi stupisco della mancanza totale di pulizia nel paese: padroni di cani incivili, cartacce, immondizie strabordanti, marciapiedi fatiscenti e soprattutto zone pulitissime (vedi le piazzette) e altre ridotte in condizioni pietose (posteggi, zone per lo scarico dei rifiuti, ecc.)
Posto all’attenzione di tutti la foto di un angolo di fronte al cimitero, ricordando che quella è la zona in cui posteggiano i pullmann dei turisti e da qui diamo la prima ed ultima impressione dello stato di pulizia del paese! (scattata il 29/10/09)
Vorrei sapere cosa ne pensano i miei concittadini e vorrei condividere esperienze e pareri.

leboule , 31 October 2009

Commenti

239 Commenti a “Una Dolceacqua da pulire”

  1. Mandingo di Dolceacqua - 1 November 2009 alle 07:50

    Più bidoni della spazzatura per tutti!!!!!!Sopratutto davanti ai bar bisognerebbe mettere degli spegni sigaretta con sabbia, ne ho parlato con i gestori e sono d’accordo, basta che il comune faccia la sua parte. Ogni qualvolta si finisce una sigaretta mi piange il cuore buttarla perterra o dentro qualche tombino, in quanto non avendo un’ottima biodegradibilità, mi sento vittima diretta, di questo ambiente così già tanto malato, e i marciapiedi sarebbero anche più puliti. “Dai che forse ce la facciamo”!!!!!( A smettere di fumare…?)Che vizio di ca..a!!!

  2. fulga - 2 November 2009 alle 16:35

    Il problema della pulizia del Paese è tra quelli più importanti e che più personalmente mi preoccupano.
    Ma la mia preoccupazione non deriva dal fatto di non trovare soluzioni di merito, ma esclusavamente perchè per ottenere un risultato positivo, occorre l’aiuto del cittaidno e del turista.
    La foto mostrata da “leboule” è sintomatica; il posto da lui fotografato è sopratutto e direi quasi unicamente (a parte questi giorni particolari) frequentato da turisti e sono loro stessi i primi responsabili della foto (ma ci sarebbe di peggio se si andasse a vedere cosa fanno dietro le siepi). Ora si potrebbe obiettare che sarebbe opportuno mettere dei cestini (cosa che per i primi mesi dell’anno avverrà) ma come è già successo in paese (e succede ancora oggi, vedi sabato vicino al giornalaio) molti depositano sui cestini la spazzatura di casa.
    In questi ultimi anni il servizio di spazzamento è aumentato di 4 ore al giorno, ma è evidente che non è possibile pulire le zone non centrali al paese tutti i giorni. Queste vegnono fstte, attraverso un cornoprogramma, alcune due ed altre una volta alla settimana. Inutile dire che un maggiore passaggio costituirebbe un costo non sostenibile.
    Del resto anche nei luoghi dove si passa ogni giorni, dieci minuti dopo qualcuno pensa già a sporcare.
    Anche l’ulteriore pubblicità sull’ordinanza dei cani non è servita granchè (qualcuno su una locandina ha scritto sopra “che palle”), ovvio però che ora cercheremo di andare giù pesante, con controlli mirati e attueremo la legge alla lettera applicando le sanzioni previste.
    COmuqneu lavoreramo ancora nel cercare di stimolare maggiromente il cittadino al rispetto delle regole e al rispetto del buon vivere.

    Diverso è il problema di mantenimento dell’arredo sul quale stiamo intervenendo, anche se non con la rapidità desiderata, ma con interventi costanti non appena il tempo ed attività urgenti ce lo consentono. Vedi la piazza Garibladi, le panchine, i disuasori, etc..

    Caro Mandingo, sono contento che tu abbia segnalato il problema delle sigarette. Non capisco però quando dice che il Comune deve fare la Sua parte. Spero tu non ti riferisca all’inserimento di queste ciotole fuori dai locali, che spetta ai gestori (i clienti che escono sono i loro è elementare capire che occorre dare questo servizio), ma se mai all’opportunità mi mettere lungo le vie del centro storico queste ciotole (come ad esempio ha fatto il comune di Airole). Stiamo valutando per il prossimo anno l’acquisto. Ti ringrazio come sempre per la tua visione positiva dei problema e mai polemica.

  3. Mandingo di Dolceacqua - 2 November 2009 alle 19:29

    Innanzitutto grazie della risposta. Per quanto riguarda la frase dell’aiuto da parte del comune, farò presente ai gestori dei locali e ci metteremo d’accordo sulle modalità di partecipazione che intendono sia fatta da parte del comune stesso e poi lo esporrò in questo blog. Sono daccordissimo quando dici che la gente deve usare un pò più il senso civico. Tutti insieme possiamo fare cose da giganti, basta poco.

Inserisci un commento

Devi essere loggato (loggati ) per inserire un commento.