Proposta di comunicazione al prefetto: sfilata di Carnevale a Dolceacqua

Proposta di comunicazione al prefetto e a tutti gli organi competenti al fine di autorizzare la sfilata dei carri di carnevale, che si terrà in data 16 Febbraio 2010, lungo la strada provinciale.

Al Sindaco del comune di Dolceacqua
COMUNE DI DOLCEACQUA
Via Roma, 50
18035 – DOLCEACQUA (IM)

Alla Pro Loco “Beli Nui”

Oggetto: Proposta di comunicazione al prefetto e a tutti gli organi competenti al fine di autorizzare la sfilata dei carri di carnevale, che si terrà in data 16 Febbraio 2010, lungo la strada provinciale.

– Venuto a conoscenza che la pro loco dei “Beli Nui” intende realizzare in data 16 Febbraio 2010 la tradizionale sfilata dei carri, che ha sempre contraddistinto il carnevale del comune di Dolceacqua

il gruppo consigliare “ Dolceacqua Domani “

PROPONE

che il Sindaco del comune di Dolceacqua richieda al prefetto, e a tutti gli organi competenti, l’autorizzazione a poter realizzare in data 16 Febbraio 2010 la sfilata dei carri di carnevale lungo la strada provinciale.
Cordiali saluti.
Dolceacqua, li 10/02/2010

Il Capogruppo Giuseppe Luppino

Il Consigliere Diego Tornatore

Il Consigliere Fabrizio Cialone

Il Consigliere Simone Mauro

Dolceacqua Domani , 10 February 2010

Commenti

236 Commenti a “Proposta di comunicazione al prefetto: sfilata di Carnevale a Dolceacqua”

  1. fulga - 10 February 2010 alle 19:11

    Demagogia o populismo?!?!?
    Rimango basito che addirittura si pensi a fare una interpellanza di un Gruppo politico di Minoranza per un evento, quando, se l’interesse comune è quello di risolvere il problema, poteva bastare fare una telefonata per dare dei suggerimenti.
    Se fosse stata fatta questa telefonata, al Presidente della Proloco o al sottoscritto, avrebbero scoperto che:
    – insieme stiamo da oltre 10 gg individuando delle soluzioni nelle pieghe delle Leggi e delle autorizzazioni, per effettuare il “corso mascherato” sul percorso o in parte da quello indicato;
    – saputo che sia la Prefettura, la Provincia, la Questura e le Polizie Locali dei Comuni limitrofi, sono già stati contattati per conoscere come e se avevano affrontato il problema e trovare delle soluzioni;
    – scoperto che pur avendo ricevuto da tutti pareri, opinioni negative, stiamo continuando a muoverci nei vari uffici preposti per individuare e concordare soluzioni che possano da un lato rendere possibile il corso mascherato e dall’altro tutelare chi darà l’autorizzazione (il Comune) e soprattutto gli organizzatori (la ProLoco);
    – saputo che il Presidente al suo ritorno convocherà un incontro con il Direttivo per illustrare in caso di fattibilità o meno, quanto è stato fatto, la soluzione individuata, condiviso le responsabilità e preso una decisione comune;
    – infine avrebbero compreso che, date le complicazioni legislative in essere, meno parole vengono fatte e meglio sarebbe.

    Ma questa telefonata, deduco, non è stata fatta, eppure due delle quattro persone che hanno sottoscritto l’interpellanza hanno un ruolo nel Direttivo della ProLoco; allora come mai non hanno pensato di chiedere al Presidente, prima di scrivere?
    Ma non si era detto che la Politica non sarebbe entrata nella Pro Loco?

    Io credo, ma lo confermano le altre interpellanze di questi giorni e gli articoli sui giornali, che vi sia un momento di “necessaria visibilità politica”, e su un fatto come questo, non si può non dire che si faccia solo della demagogia e del populismo.
    I veri problemi del paese, dove ci si dovrebbe veramente preoccupare, confrontare e fare politica sono altri come ad esempio in ambito sociale. Molte famiglie (molte di più di quello che potete pensare) versano in forti difficoltà economiche e non riescono a pagare gli affitti ed alcune addirittura a sfamare i figli; numerose e giornaliere sono le richieste di aiuto e di lavoro. E poi gli anziani soli e ammalati, i problemi economici della scuola, la difficoltà a reperire fondi per riparare le strade e fare altri interventi di manutenzione….e via discorrendo.
    Ma questi sono temi difficili e di poca presa populistica!!!

    Chiedo scusa a Jhon e a voi tutti perché non mi sarei mai permesso di usare questo blog per fare politica, e Jhon sa bene cosa voglio dire.
    Le informazioni che abbiamo trasmesso fino ad oggi sul blog, non hanno mai avuto una forma un logo ed una matrice di tipo politco, ma sono sempre state comunicazioni di tipo informativo a favore della popolazione.
    E continuo a non condividere e a ritenere scorretto l’utilizzo di questo spazio in questo modo.
    Si può e si deve parlare di problemi, ma in prima persona, non attraverso demagogie e provocazioni e senza nascondersi dietro a dei sinonimi, soprattutto se si è attivi nell’attività pubblica e politica del paese.

  2. Ninut - 10 February 2010 alle 21:13

    Marie cumpagnie!!….

  3. fulga - 10 February 2010 alle 19:33

    chiedo scusa mi correeggo x essere corretti
    Non e stata fatta una interppellanza ma una richiesta “pubblica”
    L’effetto ppero e lo stesso

Inserisci un commento

Devi essere loggato (loggati ) per inserire un commento.