Dolceacqua: vittime violenza, rappresentazioni dei giovani

La Legge Regionale sul sostegno alle donne vittime di violenza, emanata nel 2007, aveva proposto di ‘promuovere interventi di prevenzione della violenza di genere, di diffusione della cultura della legalità e del rispetto dei diritti, anche con il coinvolgimento delle Istituzioni scolastiche’.
Da due anni molte scuole del nostro territorio stanno realizzando diverse iniziative con l’obiettivo dell’educazione alle differenze di genere, della cultura del rispetto, del riconoscimento del principio di parità. Nelle scuole primarie e nelle scuole medie sono stati coinvolti gli alunni in due giochi ‘Ciao Maramao’ e ‘Conosci Andrea’, creati appositamente dalla psicoterapeuta Pina Diamanti: giocando si riflette sugli stereotipi e sui pregiudizi, e si ragiona sulle diversità e sui diritti.
Le riflessioni degli alunni sono poi state raccolte e trasformate in testi teatrali da Giancarlo Castello, interpretati dai ragazzi stessi. Venerdì 15 gennaio verranno presentati al pubblico i due testi teatrali: alle 16, presso la sala della Comunità Montana Intemelia a Dolceacqua, ci sarà la rappresentazione di ‘Salverò la Principessa’ da parte dei bambini delle classi prima e seconda della scuola primaria di Dolceacqua; e alle 20 presso l’aula magna della Scuola Media Biancheri di Ventimiglia la rappresentazione di “L’altra faccia dello specchio” da parte della classe II B della scuola media di Roverino. Ad entrambe le rappresentazioni parteciperà la psicoterapeuta Pina Diamanti, ideatrice dei giochi.

John , 14 January 2010

Commenti

Inserisci un commento

Devi essere loggato (loggati ) per inserire un commento.